Eolie Logo 273x112
bernardi banner
Lunedì, 24 Settembre 2018

NEWS

Lipari: agricoltura e suolo vulcanico

La fertilità del suolo dell’isola di Lipari è dovuta principalmente alle sue ceneri vulcaniche che, in passato, hanno visto la formazione di boschi di quercia e leccio. 

 

Nel corso degli ultimi due secoli, la lussureggiante macchia mediterranea è stata in gran parte sostituita da coltivazioni realizzate dalle generazioni di contadini che si sono susseguite sull’isola. Costretti all’autosufficienza dalle difficoltà di comunicazione con la terraferma, hanno ricavato campi e terrazzamenti delimitati da muretti a secco, che hanno dato via ad un incremento delle produzioni agricole.

 

Nonostante l’attività sia stata sensibilmente ridotta, negli ultimi anni è stato registrata una ripresa da parte di privati che hanno scelto di dedicarsi produzioni di nicchia che valorizzano, in particolar modo, i vini locali (oltre ad olio e altre conserve alimentari).

 

L’elemento caratterizzante dell’agricoltura isolana è sempre stato il vigneto. Oggi, agli antichi impianti su terrazzamento, si affiancano i nuovi tra cui, i più rappresentativi,  i vigneti di Malvasia - il “nettare degli dei” apprezzato fin dai tempi più remoti. Mescolato in lieve percentuale alle uve di Corinto Nero, risulta un nettare giallo dorato e talvolta ambrato, dal sapore dolce e aromatico. Si tratta di un vino da dessert che si può godere al meglio nei primi due anni di vita. Lasciando appassire e poi invecchiare le stesse uve, si ottiene un ottimo e gustoso passito dolce naturale, altrettanto apprezzato degli estimatori delle produzioni vinicole eoliane.

 

 

BarraGusto BarraAccoglienza

Pulsante filippino

Pulsante trito

Pulsante mendo Pulsante pinna

NEWS

EVENTI

EXPERIENCE

VIDEO

RICETTE